Stampa questa pagina

NEANCHE LA PANDEMIA HA ARRESTATO LA CRESCITA DEL TAC SALENTINO

Vota questo articolo
(0 Voti)
NEANCHE LA PANDEMIA HA ARRESTATO LA CRESCITA DEL TAC SALENTINO

Le premesse del 2020 potevano segnare negativamente (o definitivamente) una fetta importante dell'industria fashion nostrana, e fermare quella crescita che prosegue ormai ininterrottamente da quasi un decennio.

Abbigliamento: convertire parte degli spazi aziendali per destinarli alla produzione e alla commercializzazione di dispositivi medicali (mascherine, camici, ecc..) per contrastare il Covid, si è dimostrata una scelta vincente. Parte del fatturato mancato, infatti, è stato coperto proprio da queste nuove attività. Riprogrammazione, investimenti e lavoro: non era semplice, ma la sfida è stata superata con lode dalle imprese salentine. Stupisce poi sapere che vi sono alcune aziende manifatturiere che hanno raddoppiato il fatturato proprio grazie alle nuove commesse sanitarie.

Calzature: nell'anno più tragico della storia per la scarpa Made in Italy, Casarano continua a volare. Nel 2020 infatti vi sono stati nuovi investimenti per costruire nuovi stabili o per aumentare la produzione in quelli già esistenti. Il prodotto vincente è la sneaker di lusso. Casarano è ormai diventato il più importante polo europeo di produzione per questa tipologia di prodotto.

Un exploit confermato dal Presidente del Politecnico del Made in Italy e fondatore di Italian Fashion Team, Michele Zonno, in un'intervista rilasciata ad MFfashion:
«Nella provincia di Lecce abbiamo certamente superato quota 2 milioni di paia di sneaker e ora viaggiamo verso i 3 milioni, con ulteriore possibilità di sviluppo grazie agli investimenti in atto e al contributo formativo del Politecnico del made in Italy presente a Casarano, realizzato con lo scopo di supportare le aziende nella loro capacità di espansione».

Articoli correlati (da tag)